Sospensione attività

Di seguito si riportano le indicazioni fornite da Unioncamere in merito agli adempimenti connessi alla sospensione delle attività a causa dell’emergenza Coronavirus.

Le imprese esercenti le attività economiche sospese ai sensi del DPCM 03/11/2020 e dell'Ordinanza del Ministro della Salute 04/11/2020 non devono presentare alcuna comunicazione di sospensione attività per il periodo ivi previsto.

Per i casi di sospensione volontaria, a fronte dell’intenzione manifestata da alcune imprese di formalizzare questa situazione con formale comunicazione all’Amministrazione, si evidenzia quanto segue:

  • gli sportelli unici per le attività produttive (SUAP) sono obbligati a ricevere la “Comunicazione di cessazione o sospensione temporanea di attività” nel formato del modulo unico standardizzato approvato in Conferenza Unificata il 4 maggio 2017;
  • la Comunicazione di cui sopra, che consente di indicare la decorrenza e la durata della sospensione, è disponibile sul portale impresainungiorno per tutte le attività e per tutti i SUAP della nostra provincia;
  • le imprese possono scegliere se inviare contestualmente alla comunicazione al SUAP anche la comunicazione (REA) al Registro Imprese, soggetta al previsto diritto di segreteria (euro 18,00 se impresa individuale, euro 30,00 se società), ricordando che:
  • secondo la circolare Ministero dell'Industria 22 gennaio 1990, n. 3202, le sospensioni soggette a denuncia sono quelle che hanno una certa rilevanza e sono certamente da ritenere tali quelle che si protraggono per più di 30 giorni;
  • è quindi ammissibile che le imprese che intendono limitare il periodo di sospensione entro i 30 giorni, attivino esclusivamente la prevista comunicazione verso il SUAP di competenza.

Ultimo aggiornamento 29/03/2021

faq Consulta le nostre faq mediazione