Avviso "Attrattività Valtellina": 500.000€ alle imprese

Prevalgono i progetti a “kilometro zero”

A partire dal mese di aprile del 2020 la Camera di Commercio di Sondrio ha attivato una serie di misure a sostegno delle imprese per fronteggiare la crisi economica da Covid-19.

In aggiunta agli importanti interventi per garantire la liquidità aziendale, in particolare il “Protocollo credito” e “FAI Credito” e per il riavvio delle attività (“Safe Working”), è stato attivato l’avviso “Attrattività Valtellina”, iniziativa cofinanziata dalla Provincia di Sondrio a valere sui fondi del “demanio idrico” approvati da Regione Lombardia, per l’assegnazione di contributi a favore di progetti di sviluppo predisposti dalle imprese rispetto a cinque diversi ambiti: ammodernamento degli
spazi produttivi, miglioramento dell’inserimento dell’attività nel contesto ambientale, valorizzazione dei prodotti tipici, ecoefficienza, digitalizzazione e informatizzazione.

L’avviso è stato pubblicato il 15 ottobre scorso, con apertura dei termini di presentazione delle domande il 16 novembre. Al termine dell’istruttoria, con comunicazioni inviate alle imprese nei giorni scorsi, sono state finanziate tutte le 58 domande ammissibili ed è stata utilizzata l’intera disponibilità, pari a 500.000 €, con un contributo medio per impresa pari a oltre 8.600 €.

I progetti finanziati spaziano su tutti i cinque ambiti previsti, con prevalenza per gli interventi destinati alla digitalizzazione (43%) presentati da imprese che, ad esempio, hanno colto l’opportunità di sviluppare lo smartworking e il telelavoro o di predisporre un sistema di vendita a distanza, volto a favorire il rispetto delle misure di distanziamento sociale.

Quasi tutte le aziende hanno sfruttato la possibilità di beneficiare di contributi maggiorati (il 55% sulle spese ammissibili), grazie all’utilizzo delle premialità previste dall’avviso per i progetti a “kilometro zero”, per le imprese giovanili e per le imprese che utilizzano o che intendono utilizzare il marchio “Valtellina”. In particolare, ¾ delle imprese hanno scelto la priorità del “kilometro 0”, impegnandosi a utilizzare prevalentemente fornitori locali.
Gli investimenti complessivamente assistiti dai contributi assommano a poco meno di 1,3 milioni.

La risposta delle imprese, commenta la presidente Loretta Credaro, è andata oltre ogni previsione, tanto che in neppure 10 minuti dall’apertura dei termini di presentazione delle domande abbiamo ricevuto richieste per oltre 550.000 €. La presenza di imprese che in un momento tanto delicato sono disponibili ad investire è confortante e denota la determinazione degli imprenditori a guardare avanti. Auspico che sia possibile ripetere tale iniziativa e che, in uno scenario economico di rilancio,
la generalità delle imprese possa nuovamente intraprendere progetti di investimento. Evidenzio infine che anche questa iniziativa è stata resa possibile dalla forte coesione con gli enti territoriali, Provincia e Regione Lombardia
”.