Bando Innovazione delle filiere di economia circolare 2022

La Camera di commercio di Sondrio aderisce al bando "Innovazione delle filiere di economia circolare in Lombardia", promosso dal sistema camerale lombardo e da Regione Lombardia per favorire la transizione delle piccole e medie imprese lombarde verso un modello di economia circolare, la riqualificazione dei settori e delle filiere lombarde e il riposizionamento competitivo degli interi comparti rispetto ai mercati.

Beneficiari

Il bando è rivolto alle MPMI con sede legale e/o operativa in Provincia di Sondrio, in regola con il pagamento del diritto annuale e con i versamenti contributivi, che non si trovino in stato di fallimento, liquidazione, amministrazione controllata, di concordato preventivo (o altra situazione equivalente) e che non abbiano forniture in essere con la Camera di commercio di Sondrio. 
Le MPMI possono presentare progetti in forma singola o in aggregazione formata da almeno 3 imprese rappresentanti la/le filiera/e.
Se la domanda è presentata in forma aggregata è necessario individuare un capofila come interlocutore unico nei confronti di Unioncamere Lombardia.
Possono partecipare all’aggregazione anche soggetti diversi dalle MPMI (p.e. grandi imprese, centri di ricerca, associazioni di categoria, società consortili), tuttavia gli stessi non potranno essere in alcun modo beneficiari di contributi. Inoltre, l’aggregazione deve comunque essere composta da almeno 3 MPMI lombarde.

Contributi

La Camera di commercio di Sondrio mette a disposizione un fondo di 25.000 €, approvato con Deliberazione di Giunta n.  34/GC del 21 aprile 2022, interamente finanziato con risorse del Consorzio BIM e della Provincia di Sondrio.
L'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% dei costi ammissibili. In caso di aggregazione, il contributo è assegnato alle singole imprese che la compongono, in funzione dei rispettivi impegni di spesa dichiarati nel modulo di domanda, secondo la tabelle seguente:

Investimento minimo (*)Importo contributo massimo (**)
€ 40.000,00€ 120.000,00 (per le aggregazioni costituite da un minimo di 3 imprese)€ 100.000,00 (per le imprese in forma singola)

(*) sommatoria delle spese ammissibili obbligatoriamente da sostenere a pena di decadenza del contributo. In caso di aggregazione, l’investimento minimo riportato in tabella è riferito alla somma delle spese ammissibili delle imprese che compongono l’aggregazione.
(**) in caso di aggregazione, la somma dei contributi assegnabili alle imprese che compongono l’aggregazione non può superare il contributo massimo riportato in tabella.

Interventi agevolabili

Le imprese devono presentare un progetto esecutivo attinente a uno o più dei seguenti ambiti:

  • innovazione di prodotto e/o di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse, utilizzo di sottoprodotti in cicli produttivi, riduzione produzione di rifiuti e riutilizzo di beni e materiali;
  • innovazione di processo o di prodotto per quanto riguarda la produzione e l’utilizzo di prodotti da recupero di rifiuti (c.d. “end of waste”);
  • attività di riutilizzo e preparazione per il riutilizzo, compreso creazione di forme di ritiro dei propri prodotti a fine vita, ad esempio allo scopo di riutilizzarne parti o componenti aventi ancora valore, avviarli a processi di remanufacturing, etc. (attivazione di programmi di takeback);
  • progettazione e sperimentazione di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento della filiera;
  • sperimentazione e applicazione di strumenti per l’incremento della durata di vita dei prodotti ed il miglioramento del loro riutilizzo e della loro riciclabilità (Eco-design);
  • implementazione di strumenti e metodologie per l’uso razionale delle risorse naturali.

Spese ammissibili

Sono ammissibili spese per:

  1. consulenza;
  2. investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici;
  3. assistenza e costi di acquisizione delle certificazioni ambientali di processo e di prodotto;
  4. assistenza e costi di acquisizione delle certificazioni tecniche e di eventuale registrazione REACH;
  5. servizi per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto;
  6. tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto;
  7. materiali e forniture strumentali alla realizzazione del progetto (inclusi prototipi);
  8. spese per la tutela della proprietà industriale;
  9. spese del personale dell’azienda solo se espressamente dedicato al progetto (fino a un massimo del 10% della somma delle voci di spesa da a) a h)).

Nell’ambito del progetto, la somma delle spese in conto capitale b), d), f), g), h) non può essere inferiore al 65% del totale delle spese ammissibili.

Tutte le spese ammissibili devono essere sostenute a partire dal 23 maggio 2022 e quietanziate entro il 20 dicembre 2023.

Presentazione delle domande

Le domande di partecipazione devono essere trasmesse a partire dalle ore 10.00 del 20 giugno 2022 fino alle ore 16.00 del 19 settembre 2022, esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it, selezionando la voce "Contributi alle imprese",  accedendo e selezionando lo sportello “Unioncamere Lombardia” - bando: “22CE Bando Economia Circolare”.

Informazioni

Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli uffici prenotando un appuntamento tramite l'agenda "Servizi Online - Sezione Bandi e contributi".

Modulistica

La modulistica è disponibile sul sito di Unioncamere Lombardia - Bando innovazione delle filiere di economia circolare 2022.

Bando
Aperto
Inizio
Termine

 
Riferimenti Progetti di incentivazione e sostegno